Fulgor Run – Raimondi guida 1100 formiche dal ponte di Cairate

Condividi
  • 14
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    14
    Shares

Cairate, 9 Giugno – 3ª edizione della Fulgor Run, una delle più riuscite manifestazioni podistiche della nostra provincia, grazie all’organizzazione impeccabile dei Fulgor Runners.

Due i percorsi a disposizione di runners navigati o semplici camminatori, uno più lungo da 11 chilometri e uno più breve non competitivo da 5 km, con poche e piccole modifiche rispetto alle due precedenti edizioni.

Come ogni anno la Fulgor Run ha avuto anche un risvolto sociale, infatti parte del ricavato andrà all’AIL (l’associazione che contrasta le leucemie) e a Medici con l’Africa CUAMM.

PERCHE’ CORRERE LA FULGOR RUN?

Il sito ufficiale della manifestazione cita una serie di motivazioni per non perdersi la loro gara podistica:

  • Perchè ci sono solo due corse, al mondo, che partono su un ponte. La Fulgor Run e la Maratona di New York.
  • Perchè correre la Maratona di New York costa molto di più!
  • Perchè scoprirai angoli di Cairate dimenticati perfino dai cairatesi.
  • Perchè vedrai che l’Olona in alcuni punti è ancora meraviglioso.
  • Perchè se guardi giù mentre corri sul ponte un pochino ti sembrerà di volare.
  • Perchè la vecchia Cartiera Vita Mayer vista da vicino è maestosa.
  • Perchè avrai una foto fichissima di te che corri passando sotto l’arco di ingresso al Monastero di Cairate.
  • Perchè il passaggio dentro il Monastero è cosi bello che anche se sei un runner veloce ti verrà di rallentare un pò per godertelo un pochino di più.
  • Perchè ai ristori potresti trovare anche del prosecco!
  • Perchè mentre percorrerai il Tamagnino, per qualche istante ti pentirai di essere venuto, ma una volta in cima ti sentirai più figo di uno spartano alle Termopili

LO SPETTACOLO VA IN SCENA DAL PONTE DELLA CARTIERA

partenza fulgor run 2018 ponteOvviamente confermatisssima la partenza scenografica dal ponte di Cairate, vero simbolo della gara organizzata dalle formichine cairatesi.

Alle 18.30 lo start, con la mascotte del gruppo organizzativo ad incitare la fiumana di runners pronti a darsi battaglia o semplicemente a ritagliarsi uno spazio nelle immagini immortalate dai numerosi fotografi.

A fare il ritmo e sfilarsi dall’ondata di podisti è un gruppetto di quattro runners capitanato da Matteo Raimondi con al seguito Michele Merlo, Raffaele Nastari (A.A.Casorate) e Alessandro Bianchini (G.A.M. Whirlpool).

Terminato il ponte, ci si butta in picchiata lungo il Barlam per raggiungere la ciclabile che costeggia le sponde del fiume olona, dove Raimondi cambia passo allungando sul gruppo di inseguitori.

MATTEO RAIMONDI SI AGGIUDICA LA TERZA EDIZIONE

podio maschile fulgor run 2018Dal lungo Olona in poi per Raimondi sarà gara solitaria, con l’ascesa del Tamagnino che esalta le sue doti di scalatore. Il capofila ex Atletica Palzola ovviamente tira dritto dinnanzi a uno dei punti di forza dell’organizzazione, il ristoro intermedio con tanto di grigliata-birra-prosecco che invece per chi non gareggia per il podio diventa uno stop immancabile per continuare la festa giornaliera.

Nemmeno il contorto passaggio all’interno del monastero con tanto di concerto live non fa perdere terreno all’apripista che continua la sua marcia solitaria fino alla passerella finale sul red carpet sotto al gonfiabile dell’arrivo posto al centro dell’oratorio di Cairate.

La classifica finale maschile vede quindi nell’ordine:  1. Matteo Raimondi, 2. Michele Merlo, 3. Paolo Scatolini, 4. Alessandro Bianchini, 5. Roberto Macchi

CRISTINA FONTANA PRIMA TRA LE DONNE

podio femminile fulgor run 2018La gara femminile vede Stefania Magnoni (A.A.Casorate) condurre per buona parte di gara grazie ad una partenza su ritmi sostenuti.

La portacolori giallonera paga dazio però sul Tamagnino dove Cristina Fontana riduce il gap e nel successivo tratto in piano si porta al comando della classifica in rosa.

Nel tratto di ciclabile che porterà al passaggio finale nelle vie del paese, mentre la Fontana allunga sulle inseguitrici, c’è battaglia per gli altri due gradini del podio, dove Daniela Pizzonia (Runners Varese) riesce a guadagnare una decina di secondi sulla Magnoni che le valgono all’arrivo la seconda piazza di giornata.

La classifica femminile si delinea quindi in questo modo: 1. Cristina Fontana, 2. Daniela Pizzonia, 3. Stefania Magnoni, 4. Camilla Bollini, 5. Cristina Ravazzani

 

Le foto della manifestazione (da cui sono tartte le immagini dell’articolo) sono disponibili sul sito di podisti.net grazie al solito Arturo Barbieri.

Le foto ad opera dell’organizzazione sono invece disponibili sul sito ufficiale della gara

La classifica dei primi 70 al traguardo è disponibile qui

(Visited 264 times, 1 visits today)

Condividi
  • 14
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    14
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Classiche podistiche del varesotto