CALZINI IN VACANZA LA CAPOLISTA REGALA 3 PUNTI E CONTINUANO LE POLEMICHE

I soliti sospetti...

Ennesimo episodio antisportivo nella FantaGalla, è polemica

Quando i vincitori erano belli, bravi e buoni

C'era un tempo in cui nei film vincevano sempre i buoni, poi arrivarono i vari eroi cattivi,non certo di animo nobili, che facevano appassionare il pubblico e facevano fare il tifo per loro.

C'era un tempo in cui anche nello sport vincevano sempre i buoni, vinceva Coppi, vinceva il cuore granata, e vincevano tanti altri.

Poi lo sport ha iniziato a sporcarsi come il cinema, però i vincitori sporchi no erano più eroi.

Così vennero le squalifiche per il totonero, quelle per il doping, la vicenda passaporti falsi e tante altre cose. E così sono arrivate le partite farsa del fantacalcio, vittorie facili a tavolino per formazioni non consegnate che hanno fatto si che non vincesse sempre il migliore.

E come se non bastasse, una volta raggiunto il proprio successo, i singoli giocatori non si sono preoccupati neanche più della lealtà sportiva, un'utopia di questi tempi. E così anche le lotte per i piazzamenti successivi al primo ora non godono della pulizia che ci dovrebbe essere in ogni sport e/o gioco.

GLI AVVENIMENTI

  • Gente Felice getta al vento le possibilità di raggiungere la terzultima posizione e chiude come vice fanalino di coda nonostante un attacco con Lopez, Vieri e Nedved.
  • All Star 44 non si scende in campo per la terza giornata di seguito e macchia un campionato onorevole nonostante gli scarsi mezzi.
  • Atletico S.T.E. non presenta la formazione neanche questo sabato e continua il suo campionato senza infamia e senza lode in una posizione anonima in classifica.

Scoppia l'ennesimo caso sospetto nella FantaGalla

Nel bersaglio ci sono vari allenatori, dal più volte indagato allenatore del Batasuna F.C. all'allenatore dei Calzini, freschi campioni.

L'accusa che ha fatto tornare d'attualità il problema delle partite truccate nella Fantagalla è la mancata presentazione della formazione da parte dei Calzini, che in questo modo hanno dato una grossa mano al Batasuna F.C. nell'assicurarsi la seconda piazza ai danni dell'Euskal Herria.